...dalle classi prime Centro, anno scolastico 2008-2009.
     
   
BUON NATALE

 

BUON NATALE

 

BUON NATALE

 

BUON NATALE

 

BUON NATALE

 

BUON NATALE

 

LA STORIA DI NATALE
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
   
     
  L'ATTESA  
 

 
 

 
 

 
     
  BRILLANO  GLI ALBERI DI NATALE IN ATTESA DEL SALVATORE  
 

 
     
  DIO diede la vita all'uomo e alla donna, ma non furono a lui fedeli e persero così la sua amicizia.

Ma Dio non li abbandonò: promise il SALVATORE, lo stesso suo figlio GESU', che avrebbe ristabilito l'amicizia con DIO.

 
 

 
 

 
     
   
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
  IL FOCOLARE  
 

 
 

 
 

 

 
 

 
     
 

Tutta la famiglia è riunita: attende la nascita di Gesù Bambino.

 
     
   
     
 

L'albero è pieno di luci, il caminetto è acceso e la fiamma scoppietta, fuori scendono lentamente candidi fiocchi di neve.

 
     
 

 
 

 

 
 

Anche Babbo Natale, al caldo del focolare, attende la nascita di Gesù Bambino, per poi partire con la sua slitta carica di doni.

 
   
   
  Gli orsetti sono felici ed aspettano con ansia che qualcosa accada.  
     
     
   
   
 

LA GIOIA DI NATALE

La gioia di Natale

s'infila per tutte le scale,

accende presepi e pini

e gli occhi di tutti i bambini.

Poi s'affaccia ai balconi, 

vi appende i festoni;

scivola giù nelle strade,

illumina vetrine e contrade.

poi corre verso la chiesa,

dove una campana appesa

annunzia tutto d'un fiato:

«il RE dei bambini è nato»

 
     
 

 

 
   
     
     
 

 

 
 

 
   
     
   
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
  LA NASCITA  
   
     
     
 

 
 

 
 

 
     
 

NATALE è una gioia che nasce nella notte.

NATALE è un Bambino che bussa a mezzanotte.

NATALE è una stella che spunta nel cuore.

NATALE è la più bella notizia del Signore.

NATALE sei Tu, Bambino Gesù.

 
 

 

 
 

 
 

 
 

 
     
 

Gesù nasce in una stalla, povero tra i poveri.

«Mentre si trovavano a Betlemme, Maria diede alla luce un figlio. Lo avvolse in fasce e lo mise a dormire nella mangiatoia di una stalla, perché non avevano trovato altro posto».   

da Luca 2, 6-7

Gesù insegna a donare amicizia e gioia a tutti, specialmente a chi è solo, a chi soffre, a chi manca di tutto.

«La peggior malattia del mondo è sentirsi soli, è non essere amati, è non essere curati, è non sapere che LA VITA E' GIOIA».              

Madre Teresa di Calcutta

 

 
 

 
 

 
 

 
 

GESU' BAMBINO

Di paglia e fieno è la tua culla

e non hai panni e non hai nulla,

per riscaldarti fuoco non hai

eppur sorridi, non piangi mai.

Sorridi al bue, all'asinello,

agli agnellini, al pastorello,

doni alla mamma il tuo sorriso

ch'è tutto un raggio di paradiso,

e la sua luce ripete al cuore:

«Sono la pace, sono l'amore»

 
 

 
 

 
 

 
     
  I tre Magi arrivano dall'Oriente, guidati dalla stella cometa e portano in dono a Gesù: oro, incenso e mirra.  
     
 

 
 

 
     
 

Nel cielo stellato gli angeli suonano a festa con agitando i campanellini e cantano:« Buon Natale», mentre il più piccolo si è addormentato sulla soffice nuvola.

 
   
 

 
 

 
 

 
     
 

TUTTE LE CAMPANE SUONANO PER LA GIOIA DELLA NASCITA DI GESU'.

 
   
     
     
 

Auguri per un Natale
colmo di affetti
e caldo d'amore,
sotto le stelle
luminose del 
NATALE

 
 

 
   
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
  LA STORIA DEL NATALE  
     
   
 

 
     
Musica d'inizio: «Tu scendi dalle stelle»

  1)   Oh, eccoci finalmente tutti qui riuniti!

Grazie per aver risposto ai nostri inviti.

2)  È da tanto che vi aspettiamo e con piacere ci prepariamo,

perché vorremmo farvi una festa grande e bella,

che vi annunci la lieta novella,

che vi dica tutto il nostro amore

perché vi amiamo con tutto il cuore.

3)   Perciò ora vi porgiamo i nostri affettuosi saluti:

Tutti: Buongiorno e benvenuti!

4)    Duemila anni fa o giù di lì

la nascita di Gesù avvenne così:

5)    In quei giorni l'imperatore ordinò un censimento generale,

andavano tutti a farsi registrare...

Ciascuno verso la sua città, si mise sulla via.

Anche Giuseppe salì a Betlemme con la Vergine Maria.

6)   Ora, mentre si trovavano in quel paesello

avvenne il fatto più importante e bello:

Maria diede alla luce il suo figlio Gesù,

mentre una stella cometa brillava lassù.

7)   C'erano in quella regione alcuni pastori e pastorelle,

che di notte facevano la guardia alle loro pecorelle.

8)   Un angelo del Signore si presentò davanti a loro in quel momento,

ed essi furono presi da grande spavento,

ma l'angelo disse loro in una luce folgorante:

«Non temete, ecco, vi annuncio una grande gioia;

oggi è nato un Salvatore che è Cristo Signore.

Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

che giace in una mangiatoia perché non c'era posto per lui in albergo.

Gloria a Dio nell'alto dei cieli

e pace in terra a coloro che ama».

9)   Nato Gesù a Betlemme in quella notte splendente

alcuni Magi vennero dall'Oriente.

Ma la stella che li aveva guidati nel cammino,

premurosa di salvare Gesù Bambino,

proprio a Gerusalemme scomparve

perché il re Erode Gesù vuole ammazzare.

10)   Poi quella cometa furba e splendente

ricompare per i Magi solamente

e li accompagna fino alla capanna

dove il bimbo riposa e fa la nanna.

1° re:    Ti offro, Gesù, il mio cofanetto pieno d'oro

e con questo mio tesoro

voglio dirti che proprio tu, piccolo bimbo biondo,

sei il re di tutto il mondo.

2° re:   L'incenso che offro a te, Gesù,

nel far salire il profumo fin lassù,

vuol dire a tutti che tu sei Dio,

padrone del mondo e del cuor mio.

3° re:   Ti regalo la mirra,

il dono che ti fa già or a ricordare

che sei venuto sulla terra per salvare...

Per tutti noi dovrai soffrire...

Sulla croce andrai a morire,

perché grande per noi è il tuo amore;

ci ami tutti di vero cuore.

(I Magi si recano ad offrire i loro doni ai piedi di Gesù)

11)   Che cosa dovremmo fare noi?

Si domanderà ciascuno di voi.

Ecco la storia di Natale,

è proprio qui che vuole arrivare.

!2)   Sì, in questo natale, ciò che più conta, ciò che più vale,

è rinnovare il nostro cuore nel perdono, nella pace, nell'amore.

13)   E allora così, se ci amiamo tanto,

auguriamoci tutti di cuore,

di camminare nella luce del Signore.

 

Poesia:              

 
 

BUON NATALE

Tutti a natale si sentono buoni;

tutti a Natale si scambiano doni.

Ma perché farsi regali proprio per Natale?

 

Tutti sappiamo che nasce il Bambinello...

E questo non è il dono più grande e bello?

E niente di meno questo dono ce lo fa

Dio Padre fin da duemila anni fa.

 

Ecco il perché dei doni di Natale:

è il dono di Dio Padre che vogliamo ricordare.

Allora anche noi vogliamo farvi dei doni:

quello di essere sempre più buoni,

quello di augurarvi un Natale felice e radioso,

quello di augurarvi un nuovo anno meraviglioso:

Auguri e Buon Natale, allora, mamma e papà,

nonni, amici e parenti, Buon Natale di Felicità.

Canti:   «Anche quest'anno è già Natale»;

«Din Don Dan»

 
 

 
 

IL GRANDE DONO

DELL’AMICIZIA

 
 

 
 

Se dentro il tuo cuore

esiste tanto amore,

fermati ad ascoltare

la magia del Natale.

 

Cerca d’essere più buono,

e a tutti fai di «te» un bel dono.

 

Ogni gesto è un atto d'amore

che arriva dritto ad ogni cuore.

 

Natale quest'anno sarà

un giorno speciale:

  noi viviamo insieme

il nostro primo Natale!

 

 
 

 
     
 

 
 

 
 

 
   
     
 

 

 


 

 

 
 
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
  L'ALBERO  
   
     
     
 

Le luci accese

sui rami dell'abete

sembrano tutte liete

di vegliare da vicino

il dolce sonno di Gesù Bambino.

 
     
     
     
 

I doni sotto l'albero

per te son stati messi,

o dolce bimbo, che aspetti...

 
     
     
     
 

Oh, albero luminoso,

rallegra con le tue luci

il cuore di ogni

triste bambino.

 
     
     
     
 

Albero di Natale

che illumini la via

a chi nel bosco

si è perduto,

per ritrovare infine

la strada della vita.

 
     
     
     
 

Bello è l'abete

di Natale,

con le sue foglie

sempreverdi

e con addobbi rossi

adornato.

 
     
     
     
 

L'inverno è alle porte,

il Natale lo segue,

il freddo è intenso,

tutti si riscaldano

con sciarpe, guanti

e cappelli.

 
     
     
     
 

 
   
   
     
     
   
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
  GLI ADDOBBI  
   
     
 

 

 
 

Sei rossa come il nostro cuore,

 
     
     
 

bianca come la neve che copre di bianco

la Notte Santa,

 

 
     
     
 

d'oro come il dono offerto a Gesù dai Magi,

 
     
     
 

candida come la nostra innocenza,

 
     
     
 

fresca come la nostra giovane vita,

 

 
     
     
 

pacifica come chi si riposa nell'attesa,

 
     
     
 

tenera come i cuccioli di Dalmata,

 
     
     
 

allegra come un pupazzo di neve che porta doni,

 
     
 

luminosa come la luce che mai si spegne,

 
     
     
 

verde come la speranza che mai ci abbandona.

 
 

HAPPY HOLIDAYS TO YOU!!!

 
 

 
     
     
     
 

 
 

Ghirlande e pigne dorate per ornare la casa nel giorno più bello dell'anno.

 
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
  BABBO NATALE  
     
     
     
 

 
 

 
  San Nicola, Babbo Natale o Santa Claus, tre nomi per indicare un'unica persona, che la notte di Natale, con il suo vestito rosso, porta i doni ai bambini di tutto il mondo.  
     
     
 

 
     
     
     
 

In un calice a forma di cuore, Babbo Natale brinda con tutti noi,

 
   
     
 

giù dal camino scende,

 
     
  e calze ai bambini appende.  
     
     
 

 
 

GOODBYE to next year!!!!